Facebook mi fa tornare il mente un compito delle scuole elementari

Facebook mi fa tornare in mente un compito delle scuole elementari

Qualche giorno fa Facebook mi ha comunicato che sono 1000 le persone che seguono la mia pagina. Il primo pensiero è stato: “poca roba”. Pensando alle linee guida del marketing e della comunicazione digitale, un numero di follower pari a 1000 è pressoché ridicolo, vuol dire non esistere, essere “trasparente”.

Il secondo pensiero è andato a quella volta che la mia Maestra delle elementari ci ha dato, come compito per casa, da scrivere i numeri dall’1 al 1000 sul quaderno. Non ricordo bene.. forse ero in terza elementare. Ricordo però quante pagine di quadernone a quadretti ci sono volute e ricordo che nonostante non mi fossi mai fermato per tutto il pomeriggio, arrivò sera e non avevo ancora finito. In testa avevo una voce che scandiva il conteggio: 1.. 2.. 3.. 134.. 135.. 136.. 867.. 868.. 869…

Rivedo come in una vecchia foto la pagina del quaderno, i numeri scritti in blu con calligrafia un pò incerta, il tentativo di allineare bene un numero sotto l’altro.. unità, decine, centinaia. Non ricordo la fatica di quel momento, ricordo invece la calma che mi metteva scrivere, quasi stessi creando un mandala.

Ricordo che mio papà era già rincasato da lavoro, quindi erano almeno le 19-19:30 e io ero ancora seduto a tavola con la penna in mano, a scrivere. Quella sera abbiamo cenato tardi per consentirmi di portare a termine il compito.

Non so bene il senso di quell’esercizio. Forse una punizione, forse ci eravamo comportati male e la Maestra voleva darci una lezione, tenendoci chini sul quaderno per così tante ore o forse voleva insegnarci qualcosa.. la calma, la pazienza, il senso della lentezza.

Essere fermi è molto diverso dal non fare niente.

Ricordo che mamma e papà non commentarono la cosa, si sincerarono solo che avessi eseguito bene quanto richiesto (chissà se oggi sarebbe lo stesso o se qualche genitore si indignerebbe per il rischio di una tendinite al polso del figlio..).

Un insegnamento silenzioso

Che quel compito fosse giusto o meno non cambia il senso. Una cosa che compresi quel giorno è che quello che ci sembra poco o che gli altri ci dicono essere poco, molto volte, poco non è. Mille sembrava un numero così “vicino”, così “piccolo” fino a che non mi ci sono confrontato.

Ecco che sull’onda di quel ricordo, trovo sia stupefacente che mille persone siano interessate alle cose che faccio e alle cose che scrivo. Ripeto, non mi interessano i confronti, le medie, i trend, le statistiche.. nella mia testa ci sono mille facce, altrettanti sguardi, mille personalità con caratteristiche diverse, mille unicità e sono tante, davvero tante.

Grazie a queste mille persone, molte delle quali nemmeno conosco, per il tempo che mi dedicano.

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il sito utilizza Cookies propri e di terze parti. Per continuare presta il tuo consenso all'utilizzo di Cookies. Approfondisci.

COSA SONO I COOKIES?
I cookie sono piccoli file di testo che vengono salvati sul tuo computer quando visiti determinati siti internet.

INDICAZIONI GENERALI
Per il sito www.matteotessarotto.com e relativi sotto-domini utilizziamo cookie, chiedendone il consenso all'utente ove la legge o i regolamenti applicabili lo prevedano, per agevolare la navigazione e personalizzare le informazioni rivolte all’utente. Utilizziamo inoltre sistemi simili per raccogliere informazioni sugli utenti, quali ad esempio indirizzo IP, tipo di browser e sistema operativo utilizzato e/o pagine web visitate da un utente, per finalità statistiche o di sicurezza.

Ti informiamo che se deciderai di disabilitare o rifiutare i cookie alcune parti del sito www.matteotessarotto.com e relativi sotto-domini potrebbero essere inaccessibili o non funzionare correttamente.

Pertanto per un utilizzo completo di questo sito sarebbe opportuno che l’utente configurasse il proprio browser in modo che accetti la ricezione di tali cookie. I cookie non sono dannosi per il tuo computer, tablet o smartphone. Nei cookie generati dal sito www.matteotessarotto.com non vengono conservati dati identificative personali ma solo informazioni criptate.

chiudi