Interazione simmetrica o complementare nella comunicazione umana

Interazione simmetrica o complementare nella Comunicazione Umana

Il quinto assioma della pragmatica della comunicazione umana di Paul Watzlawick, afferma che: “La comunicazione è simmetrica o complementare”.

Comunicazione e interazione tra individui seguono cioè due diverse dinamiche: quella simmetrica (basata sull’uguaglianza) e quella complementare (basata sulla differenza).

Nel primo caso si tende a rispecchiare il comportamento dell’altro ed è per questo che l’interazione viene detta simmetrica. Nel secondo caso, il comportamento dell’uno completa quello dell’altro e costituisce un tipo diverso di relazione che viene detta complementare. Nella complementarietà si hanno due posizioni: “one-up” (la primaria) e “one-down” (la secondaria) ma con questo non si intende che una sia migliore dell’altra e neppure che una imponga all’altra un ruolo che non sente.

A volte il tipo di relazione è legato al contesto sociale e culturale come nel caso di rapporto genitore-figlio, medico-paziente, insegnante-studente, ecc in altri casi è la relazione stessa a evolvere verso uno o l’altro dei modelli.

Nel coaching, come riportato anche nel libro L’essenza del Coaching, possiamo dire che la relazione è:

  • Simmetrica nell’interazione, ovvero coach e coachee sono alla pari e affiancati nel processo di esplorazione e scoperta
  • Complementare nei ruoli, ovvero esistono posizioni ben definite e chiare fin da subito
  • Asimmetrica nel contenuto, ovvero il focus della relazione e della comunicazione è incentrato sul coachee e non sul coach

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.