Arti Marziali e Principio dell'Attenzione

Ogni cosa intorno a noi si esprime in maniera indipendente dal fatto che la apprezziamo o ce ne accorgiamo. Si potrebbe dire che tutto accade a prescindere da noi e che la facoltà di porre attenzione a ciò che accade, è una opportunità che possiamo decidere di sfruttare o di sprecare.

Accorgerci del manifestarsi di ogni cosa nell’Universo è compito nostro: se ce ne accorgiamo, avremo la possibilità di meravigliarci, beneficiarne e rallegrarci. In caso contrario non lamentiamoci di avere una vita piatta o priva di stimoli e possibilità.

Così come farebbe un bravo fotografo, sempre attento al particolare, dovremmo sforzarci di cogliere ogni aspetto della nostra vita quotidiana. Sta a noi e solo a noi apprezzare la profondità dei colori, il profumo delle situazioni, imparare a percepire ogni sfumatura dell’ambiente che ci circonda e la piacevole compagnia di chi incontriamo sul nostro cammino.

Importante fare attenzione a ciò che accade al di fuori di noi ma, anche, attenzione verso noi stessi e sincero ascolto interiore.

Attenzione sì, ma non giudicante

Attenzione significa anche e soprattutto considerazione non giudicante verso tutto ciò che ci circonda. Il giudizio annebbia e distrae la nostra percezione e rende vana l’arma dell’attenzione.

Questo accade perché fin da bambini ci viene insegnato a classificare, suddividere, categorizzare, giudicare. Ci abituiamo in fretta a utilizzare il metodo della similitudine per valutare persone e situazioni, mentre sempre più spesso dimentichiamo di utilizzare il metro dell’attenzione.

Per colpa dei giudizi disimpariamo ad ascoltare la nostra percezione, il nostro potere di valutazione, quello che a volte chiamiamo “sesto senso”. Questo accade soprattutto quando il percepito contraddice il giudizio acquisito. Un uomo grande e importante ci sembrerà forte, mentre un bambino piccolo e tenero per noi sarà solo un essere debole.

Il principio dell’attenzione ci insegna a riconoscere le nostre capacità e le nostre possibilità, ma ci insegna anche a valutare correttamente gli altri. Ci insegna inoltre che la considerazione verso chi ci sta davanti genera stupore e lo stupore genera gioia e conoscenza.

Vivere il principio ci insegna a capire che niente, assolutamente niente, è scontato e privo di bellezza. Ci insegna, come dicono i monaci Shaolin, che l’attenzione conduce a una conoscenza profonda e al risveglio interiore. Infine ci insegna che la comunione attenta con tutto ciò che ci circonda può renderci forti.

Parallelo marziale: Zanshin

Zanshin è una parola giapponese che significa letteralmente “lo spirito del gesto”. Significa anche “attenzione totale al momento”, incanalare la totalità della nostra coscienza, in una qualsiasi circostanza, aumentando la consapevolezza di quel momento.

Significa “essere il momento” ovvero che non c’è distinzione di sorta tra noi e il momento stesso, viene cancellata. Infatti, se stiamo “pensando a noi”, allora non stiamo “essendo noi”, e se stiamo pensando al momento allora non siamo una cosa sola con esso. Nel concentrare tutta la nostra attenzione nel momento, diveniamo completamente consapevoli di qualsiasi cosa avvenga al suo interno.

L’artista marziale man mano che raffina la sua pratica inizia a sperimentare cosa significhi “presenza”, considerare ogni momento importante al punto da “essere il momento”.

Di questo e di altro parliamo nel percorso “Arti Marziali per la Vita Quotidiana“. Clicca qui e scarica l’estratto del primo modulo del corso.

1 commento/i On Presenza equilibrata e principio dell’attenzione

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono gestiti i commenti.

Il sito utilizza Cookies propri e di terze parti. Per continuare presta il tuo consenso all'utilizzo di Cookies. Approfondisci.

COSA SONO I COOKIES?
I cookie sono piccoli file di testo che vengono salvati sul tuo computer quando visiti determinati siti internet.

INDICAZIONI GENERALI
Per il sito www.matteotessarotto.com e relativi sotto-domini utilizziamo cookie, chiedendone il consenso all'utente ove la legge o i regolamenti applicabili lo prevedano, per agevolare la navigazione e personalizzare le informazioni rivolte all’utente. Utilizziamo inoltre sistemi simili per raccogliere informazioni sugli utenti, quali ad esempio indirizzo IP, tipo di browser e sistema operativo utilizzato e/o pagine web visitate da un utente, per finalità statistiche o di sicurezza.

Ti informiamo che se deciderai di disabilitare o rifiutare i cookie alcune parti del sito www.matteotessarotto.com e relativi sotto-domini potrebbero essere inaccessibili o non funzionare correttamente.

Pertanto per un utilizzo completo di questo sito sarebbe opportuno che l’utente configurasse il proprio browser in modo che accetti la ricezione di tali cookie. I cookie non sono dannosi per il tuo computer, tablet o smartphone. Nei cookie generati dal sito www.matteotessarotto.com non vengono conservati dati identificative personali ma solo informazioni criptate.

chiudi